LA FRANCIACORTA VINTAGE, LA FRANCIACORTA POP

1701 è un’avventura che, come spesso accade nel mondo del vino, nasce dal sodalizio di un gruppo di amici. Coinvolti nella guida di una delle più antiche aziende di Franciacorta, da professionisti imprenditori si scoprono sempre più legati alle origini contadine, incarnando nel manifesto 1701 la loro idea di Franciacorta e di viticoltura: la riscoperta del valore della vita e dello scorrere del tempo, l’agricoltura che è all’origine di tutto, la spontaneità e la crescita non forzata, la comprensione di ciò che un territorio può esprimere in modo unico e irripetibile, la cultura del vino che si apprende interiormente, tramite il gusto e i sensi. Sono i fratelli Federico e Silvia Stefini a fondare formalmente e a guidare oggi il progetto e la cantina del 1701. Insieme ai loro collaboratori si prendono cura degli undici ettari di una delle più antiche proprietà vitivinicole della zona, trecento anni di storia e uno straordinario vigneto di quattro ettari cintato da mura dell’XI secolo. Si lavora sulla base di una scelta condivisa con convinzione: i principi e i metodi della viticoltura biologica e biodinamica. Tale approccio, lontano da ogni forzatura e intervento chimico, è anche una filosofia di vita, un modo per avvicinarsi alla vigna, comprenderla e rispettarla nel suo ciclo vitale fino a quando, nella bottiglia, essa esprime pienamente la sua vitalità, il carattere e le virtù: innanzitutto autenticità e massima valorizzazione del terroir, in tutte le sue espressioni. Da qui una scelta abbastanza rivoluzionaria nel panorama delle produzioni franciacortine: in 1701 si produce soltanto un Franciacorta, millesimato, in bottiglie numerate, a tiratura limitata: il meglio che si possa ottenere dal patrimonio vitato dell’azienda lavorato secondo il metodo classico della rifermentazione in bottiglia. Accanto al DOCG è concesso spazio alla voglia di sperimentare e di dare risposta alle tendenze nello stile di consumo contemporaneo. Nasce così 1701 Cuvée Première: uve di Franciacorta, sempre da vigneti biologici e biodinamici (in attesa di certificazione), lavorate con metodo charmat (detto anche “metodo italiano”) per dare vita a bollicine “pop”, ovvero popolari, semplici, ma di alta qualità, a portata di tutti i gusti (e tutte le tasche), ideali per un tocco di spensieratezza nelle occasioni più conviviali.

Scopri le etichette di 1701

 

vignaioli-big-fleury